giovedì 14 giugno 2018

Torna il grande tennis a Firenze


Un progetto importante è stato presentato il 13 giugno  al Circolo Tennis di Firenze.


Fino al 1994, il Circolo Tennis Firenze ha ospitato una tappa del circuito maggiore ATP, un torneo che vanta tra i vincitori fuoriclasse come Ilie Nastase (nel 1973, alla prima edizione), Adriano Panatta, José Luis Clerc, Vitas Gerulaitis e Thomas Muster, oltre alla partecipazione di un personaggio come Arthur Ashe. Nell’ultima edizione, Marcelo Filippini, regolarista che si attaccava alle caviglie dell’avversario senza più mollarle, come è tipico degli uruguagi, vinse in tre set contro Richard Fromberg, uno dei pochi australiani che giocava meglio sulla terra rossa. Da quel momento, i dirigenti del circolo hanno preferito concentrarsi sull’evento ITF Under 18, ancora oggi tra i più apprezzati a livello europeo e che ha appena visto concludersi la sua 43esima edizione.

Però, in un a città dove il tennis è in costante crescita, c’era la volontà di tornare a organizzare un evento del circuito professionistico, partendo dalla categoria Challenger, dove l’Italia è protagonista assoluta. “L’occasione è arrivata quando abbiamo conosciuto Carlo Alagna e la sua società Makers che vanta una grande esperienza nell’organizzazione di tornei di questo livello – spiega Flavio Benvenuti, direttore del Circolo Tennis Firenze -. Ci è stata prospettata questa ipotesi e, dopo un’attenta valutazione, abbiamo notato un grande interesse da parte delle istituzioni e delle aziende alle quali abbiamo presentato il progetto, a partire da Toscana Aeroporti che sarà lo sponsor principale”.

I primi riscontri positivi hanno acceso l’entusiasmo, considerando che il circolo, nella sua ultrasecolare storia, ha ospitato anche incontri di Coppa Davis: “Abbiamo una forte connotazione sportiva e tennistica – ha aggiunto Benvenuti – e infatti abbiamo subito
ricevuto il sostegno dei nostri soci: da parte di tutti c’è la consapevolezza che fra gli obiettivi del circolo c’è anche la promozione del tennis ad alto livello e organizzare un


torneo ATP Challenger è uno strumento importante per dare visibilità al nostro sport e al nostro club”.

Il torneo avrà un montepremi di 64.000 euro e si disputerà dal 29 settembre al 7 ottobre. Proprio la collocazione in calendario potrebbe rappresentare un punto di forza: trattandosi dell’ultimo torneo ATP Challenger sulla terra rossa in Europa, potrebbe attrarre importanti specialisti, a caccia di punti per migliorare la propria classifica mondiale prima della fine della stagione. Inoltre, saranno presenti alcune delle migliori speranze del tennis azzurro. In questo senso, il Circolo Tennis Firenze è lieto di annunciare che è già stata assegnata la prima wild card per le qualificazioni al 16enne Lorenzo Musetti, il nostro miglior giocatore juniores, che quest’anno ha vinto proprio il torneo ITF Junior organizzato alle Cascine.

Ma un ruolo decisivo lo reciterà anche la città perché è ferma intenzione degli organizzatori fare in modo che l’evento non sia vissuto solo all’interno del Circolo Tennis ma che abbracci l’intera Firenze, con le sue bellezze artistiche che saranno un richiamo fondamentale per i giocatori e gli spettatori. E infatti sono state previste attività promozionali affinché la città di Firenze sia la grande protagonista di un evento che alle spalle ha un progetto pluriennale con l’obiettivo di farlo diventare una grande realtà nel panorama tennistico nazionale e internazionale.







Torneo: Firenze Tennis Cup
sede: Circolo Tennis Firenze
Data: 29 settembre - 7 ottobre
Montepremi: 64.000 euro
Categoria: ATP Challenger


Fabrizio Del Bimbo 

mercoledì 16 maggio 2018

Giuseppe La Vela e Daniella Dimitrova i vincitori del 36° Torneo Internazionale Under 18 Città di Prato





Si conclude, con le vittorie di Giuseppe La Vela e di Daniella Dimitrova, la 36° edizione del Torneo Internazionale Under 18 Città di Prato che ha visto tanta partecipazione di pubblico per gli atti conclusivi. Nella finale femminile l'atleta bulgara prevale su Federica Sacco 75 62 mentre il siciliano La Vela vince 62 63 contro lo svizzero Henry Von der Schulenburg. "Per me è una grande soddisfazione poter alzare il Trofeo che ha vinto Federer e Murray - spiega La Vela - un grazie a mio padre e alla federtennis che mi ha dato questa possibilità di poter arrivare a questo traguardo. Sono felicissimo è la mia prima vittoria vera ed è davvero bello aver vinto qui". L'azzurro ha dominato il match fin dall'inizio. Sul 2-2 arriva il break e La Vela riesce a sfruttare il momento positivo e vince 6-2 il primo set. Parte bene anche nel secondo e va 3-0 poi arriva un temporale e la partita viene conclusa dentro il pallone dove Von der Schulenburg che riesce a risalire fino al 5-3 ma il palermitano  con il suo rovescio a una mano in top e beak si apre il campo e chiude con un bel dritto la sfida. La finale femminile era molto attesa con  entrambe le contendenti classe 2002. Federica Sacco arrivava dalla vittoria di Salsomaggiore mentre la Dimitrova aveva superato in semifinale Martina Biagianti 64 al terzo set. E' stato decisivo il primo set dove la giocatrice dell'est si era portata avanti 3-1 poi la Sacco è salita di livello portandosi 5-3 ma a questo punto non riusciva a chiudere e risaliva la Dimitrova che dopo il 5-5 riusciva a vincere il servizio all'italiana e a chiudere il primo set 7-5. Nel secondo set subito intervento del fisioterapista per la Sacco per un problema alla spalla e la Dimitrova scappava subito e il match si concludeva 6-2 per la giocatrice nata nel Kentucky ma di nazionalità bulgara. "Peccato perchè sono state due settimane fantastiche anche se non ero al massimo nella finale - dice Sacco - il primo set è stato molto combattuto e la Dimitrova è stata brava nei momenti diecisivi. Ora una settinana di pausa e poi il Bonfiglio". Al termine delle finali le premiazioni con la consegna ai vincitori del Trofeo Marini Industrie, il Trofeo Logli Massimo Saint Gobain, il Trofeo Concessionaria Checcacci spa e la Coppa Loris Ciardi oltre al Trofeo delle Nazioni. "Prato ha dimostrato di essere davvero importante per il tennis e per le speranze di questa disciplina - spiega il Sindaco di Prato Matteo Biffoni - è stato un bel torneo con ragazzi che a breve saranno nel circuito mondiale". "Voglio ringraziare tutti i nostri collaboratori e i giocatori che si sono distinti - dice il presidente del Tc Prato Riccardo Marini - e non posso che dire grazie ai nostri soci e a tanti spettatori presenti per le finali e durante il torneo". "Il Tc Prato ha organizzato un bellissimo torneo di ottima qualità - mette in luce il presidente del comitato toscano Federtennis Luigi Brunetti - e i vincitori e il pubblico hanno la dimostrazione della scelta di puntare sui giovani" "Il livello tecnico è stato molto alto - illustra il ds del Tc Prato Fausto Fusi - e il fatto che due ragazze ancora under 16 siano giunte alla finale è sinonimo che a breve le potremo vedere nel circuito mondiale. La Vela ha avuto il coraggio di osare e alla fine ha vinto un torneo così prestigioso". Nel doppio le vittorie sono andate alla coppia Park-Andeloro su Arnaboldi-Perin 57 76 10-4 mentre al femminile il duo azzurro Sacco- Mariani ha superato Dimitrova - Bennett 26 76 10-6


Fabrizio Del Bimbo

mercoledì 9 maggio 2018

Al 36° Torneo Internazionale Under 18 Città di Prato si mette in luce la giovane di casa Asia Serafini


La giovane Asia Serafini è la vera protagonista della prima giornata dei tabelloni principali del 36° Torneo Internazionale Under 18 Città di Prato. L'atleta del Tc Prato supera l'inglese Amelia Bisset 64 62 e si qualifica agli ottavi del prestigioso appuntamento giovanile. Toscana, anzi empolese di nascita tennistica nata nel 2003, gioca per il circolo di via Firenze la serie A1 e le competizioni giovanili. Proprio lo scorso anno debuttò nel massimo campionato nazionale in doppio e quest'anno sarà senz'altro una delle portacolori del circolo pratese nell'edizione 2018 della serie A1. "E' stata una soddisfazione perché giocare questo torneo nel mio circolo è stato molto bello - dice la giocatrice del Tc Prato - dapprima ero un po' tesa ma poi mi sono sciolta anche grazie al tifo che i soci e le persone del circolo mi hanno fatto". Nel prossimo turno sfiderà la quinta testa di serie del tabellone la bulgara Daniella Dimitrova che ha superato 62 61 l'italiana Alvisi. Va avanti nel tabellone femminile anche la tailandese Nirundorn, numero 2 del seeding, che ha avuto la meglio sull'ucraina Skorokhodova per 6-3 6-2. Ora la seconda favorita affronterà la russa Ekaterina Vinnik che ha sconfitto l'italiana Amendola 75 75. Superano il turno nella parte alta del tabellone l'argentina Farulla Di Palma che in tre set, 63 67 63, vince sulla toscana Costanza Traversi e ora l'attende l'azzurra Cristina Elena Triglea che ha sconfitto la spagnola Astigarraga 63 62. Mercoledì entrerà in campo la numero uno la giapponese Sato che non avrà un match facile contro la toscana Matilde Mariani e la vincitrice del Torneo Under 18 di Salsomaggiore Federica Sacco che avrà di fronte la qualificata Benedetta Ortenzi. In campo maschile le teste di serie hanno riposato e saranno di scena da mercoledì. Tanti i ragazzi italiani che si sono messi in luce tra cui il toscano Gianmarco Ferrari che ha vinto 63 62 con lo svizzero Riedi. Ora match arduo per il mancino contro la numero 3 il peruviano Rodríguez. Bel match per Riccardo Perin che dopo aver perso 60 il primo set con il norvegese Groener riesce a vincere 64 64 e ora affronterà il numero 4 del seeding il coreano Park. Mattia Bellucci continua la sua corsa e dopo aver vinto i tre turni di qualificazione supera anche Cacciapuoti e ora se la vedrà con il primo favorito l'argentino Lingua Lavallen. L'incontro più spettacolare e divertente è stato quello tra il russo Ivan Denisov e lo svizzero Misha Lanz con l'affermazione dell'elvetico per 63 57 76 con colpi anticipati e il match sempre in bilico. Applausi anche per l'ungherese Voros e l'italiano Bresciani con il magiaro che ha la meglio sull'azzurro per 36 76 64. Sono iniziati anche i tabelloni del doppio mentre le finali sono in programma domenica 13 maggio e ai vincitori verranno assegnati il Trofeo Marini Industrie, il Trofeo Logli Massimo spa, il Trofeo Concessionaria Checcacci spa e la Coppa Loris Ciardi. L'ingresso al Tc Prato, via Firenze con ingresso libero.
 Del Bimbo Fabrizio.  

venerdì 4 maggio 2018

Domenica 6 maggio si corre la Guarda Firenze

La Guarda Firenze, la seconda corsa più antica della città, si rinnova come ogni anno, con la novità del ritorno della gara competitiva. Si terrà domenica 6 maggio con partenza (ore 9.30) e arrivo in piazza San Giovanni, dopo aver attraversato il centro storico (per tutti i percorsi) e affrontato le fatiche del piazzale Michelangelo(solo percorso 10 km). Tre i percorsi a disposizione dei podisti: la competitiva di 10 km, la non competitiva di 10 km e la Ginky Family Run di 3 km.





Tutti i partecipanti alla Guarda Firenze di 10 km riceveranno la T-shirt ufficiale Asics Guarda Firenze, con una riproduzione esclusiva firmata dalla pittrice fiorentina Antonietta Borgioli. Tutti i partecipanti alla Mini-Guarda Firenze riceveranno la maglietta ufficiale Ginky della manifestazione. L’animazione in piazza prima e dopo l’evento a cura di Training Consultant e di Lady Radio.
 Fino a venerdì 4 maggio ci si iscrive  presso Firenze Marathon, viale Fanti 2, c/o Asics Firenze Marathon Stadium, tel 0555522957; Isolotto dello Sport, via dell'Argingrosso, 69 a/b, tel. 0557331055; Training Consultant, via Fra Angelico 6, tel. 0556236163. Per le non competitive di 10 e 3 km ci si iscrive anche presso Universo Sport in piazza del Duomo, 7, tel. 0552675962, in via Sandro Pertini 36 a Novoli, tel. 0554221252 e in via Erbosa 68 presso il Centro commerciale Gavinana, tel. 0556810839. Le iscrizioni si chiuderanno improrogabilmente il 4 maggio alle ore 18. Esclusivamente alla Mini Guarda Firenze potranno essere accettate iscrizioni, salvo esaurimento pettorali, anche fino a un’ora prima della partenza.
Si ricorda che sotto i 14 anni l’iscrizione è gratuita.

Nicoletta Curradi

giovedì 3 maggio 2018

Al via il 6 maggio il 36/o Torneo Under Citta di Prato



36° Torneo Internazionale Under 18 Città di Prato sempre più Next Gen


Nella prestigiosa location della Clubhouse del Circolo Tennis Prato e' stata presentata la 36^ edizione del Torneo Internazionale Under 18 Città di Prato. Per una settimana (dal 6 al 13 maggio) il circolo di via Firenze vedrà sui suoi campi i più forti atleti junior che cercheranno di conquistare i trofei messi in palio dal Tc Prato: Trofeo Marini Industrie, Trofeo Logli Massimo spa, Trofeo Concessionaria Checcacci spa e Coppa Loris Ciardi. "Siamo onorati di organizzare un evento che metterà in campo 240 partite in 8 giorni, 6 tabelloni e oltre 200 tennisti juniores provenienti da 35 paesi di tutti i continenti - spiega il presidente del Tc Prato Riccardo Marini -  avremo rappresentanti dalla Corea, Perù, Argentina, Taipei, Giappone, Russia, Thailandia e tanti altri. L'appuntamento tennistico è internazionale ed ha visto vincere sui nostri campi tantissimi junior che poi sono entrati tra i top ten delle classifiche mondiali". Presenti le autorità cittadine con il prefetto Rosalba Scialla e il colonnello della Gdf Luca Albanese "Un momento dove tanti giovani si affrontano per diventare i campioni del domani" " Questa manifestazione è un'eccellenza - illustra il Vice Sindaco e assessore allo sport Simone Faggi - avremo sette giorni di spettacolo e per questo bisogna ringraziare il Tc Prato e tutti i coloro che supportano l'evento". Come ogni anno anche questa edizione si preannuncia di altissimo livello tecnico con la giapponese Himari Sato come numero uno del seeding femminile, con la tailandese Mai Napatt Nirundorn che insieme alla peruviana Romina Ccuno e all'ucraina Diana Khodan saranno le prime quattro teste di serie del tabellone. Tra le italiane da seguire Federica Sacco, Costanza Traversi,  Isabella Tcherkes Zade e Lisa Pigato. "Per quanto riguarda  le giocatrici di casa un'outsider potrebbe essere la nostra giovanissima Asia Serafini - spiega il direttore sportivo del Tc Prato Fausto Fusi - mancheranno le nostre due atlete più rappresentative Peoni e Piccinetti che purtroppo sono infortunate". Nel tabellone maschile l'argentino Alejo Lorenz Lingua Lavallen ha la migliore classifica seguito dal coreano Seon Yong Han e dal peruviano Sebastian Rodriguez che completano i favoriti di questa edizione.  Tra gli azzurri da seguire Filippo Speziali, Matteo Arnaldi ed Emiliano Maggioli. "Un torneo che ha tradizione e una grande organizzazione - dice Guido Turi consigliere nazionale Federtennis - e che ha visto scoprire giocatori che ora sono tra i primi al mondo" "La Toscana è terra di giovani e il fatto di avere 3 tornei internazionali - spiega Luigi Brunetti, presidente del Comitato regionale toscano - è importante per la crescita dei nostri ragazzi". Tanti i circoli della provincia di Prato che hanno partecipato insieme al Coni di Prato, al presidente della cooperativa Sporting Jacopo Calò Carducci, l'amministratore delegato della Belardinelli Roberto Pellegrini e il responsabile organizzativo federtennis under 18 Giancarlo Palumbo. Il direttore del torneo sarà Antonio Maccioni mentre il giudice arbitro Stefano Sacchi. Il tabellone maschile sarà di 48 giocatori mentre quello femminile di 32 giocatrici con domenica 6 e lunedì 7 maggio giornate dedicate ai turni di qualificazione e durante la settimana si svolgeranno anche i tornei di doppio sia al maschile che al femminile. La caratteristica di questa manifestazione è la presenza di numerosi atleti ancora under 16 che non hanno ancora un'alta classifica nel circuito ma che poi riescono a emergere e addirittura ad entrare tra i top ten del tennis mondiale. L'esempio del 2013 con una finale tra Zverev, ora numero 3, e Medvedev che è tra i primi 50 delle classifiche ATP mette in luce la caratteristica Next Gen del torneo. Un appuntamento che vedrà la città laniera come punto d'incrocio di tanti giocatori con stili diversi e culture differenti ma con la passione del tennis e il sogno di emulare le gesta di Federer, Ljubicic, Murray, Safina, Zvonareva e Martinez con il colpo d'occhio di capire chi sarà il prossimo Next Gen che passerà da Prato.

Fabrizio Del Bimbo

venerdì 20 aprile 2018

Il 6 maggio la 46/a Guarda Firenze







Domenica 6 maggio torna, per l’edizione numero 46, la Guarda Firenze, la seconda corsa più antica della città, il primo degli eventi podistici del 2018 organizzato da Firenze Marathon. Partenza (ore 9.30) e arrivo saranno in piazza Duomo, precisamente in Piazza San Giovanni, lato di via Martelli.
La novità del 2018 è che la Guarda Firenze tornerà ad essere anche competitiva, dopo che negli anni delle origini è stata una delle leve che hanno avviatoato al podismo e all’atletica numerosi giovani fiorentini, molti dei quali hanno poi fatto strada a livello nazionale e internazionale.
Tre le opzioni dei percorsi a disposizione dei podisti: la competitiva di 10 km, la non competitiva di 10 km e la Ginky Family Run di 3 km. Si ricorda che sotto i 14 anni l’iscrizione è gratuita.

La Guarda Firenze arriva nel fine settimana successivo al Meeting internazionale di atletica Firenze Atletica Multistars Trofeo Zerneri Acciai, che si svolgerà all’Asics Firenze Marathon Stadium venerdì 27 e sabato 28 aprile, abbinato alle gare delle prime due giornate del Gran Prix Fidaltoscana Estate.
Entrambi gli eventi, sono stati presentati oggi presso la Sala riunioni della Fidal Toscana, all’Asics Firenze Marathon Stadium. Presenti tra gli altri Giancarlo Romiti, presidente di Firenze Marathon, Andrea Vannucci, assessore allo sport del Comune di Firenze, Eugenio Giani, presidente del Consiglio regionale e delegato del Coni provinciale, Gianni Lombardi, patron del meeting, Alessio Piscini, presidente della Fidal Toscana, Gerardo Vaiani Lisi, consigliere Fidal, Riccardo Calcini, direttore tecnico del meeting, Fulvio Massini, direttore tecnico di Firenze Marathon, che ha annunciato l’imminente presentazione del suo nuovo libro dal titolo “Tipi che corrono” che sarà giovedì 26 aprile alle 18 alla libreria Feltrinelli in via Cerretani a Firenze.
“Come sempre è un piacere – ha esordito l’assessore allo sport del Comune di Firenze Andrea Vannucci - vedere come in questa città si possono sviluppare grandi capacità organizzative con grande voglia e grande impegno capaci di regalare alla città grandi eventi organizzativi. La Guarda Firenze non è un evento da scoprire, è una manifestazione che è entrata ormai nel DNA della nostra città, una manifestazione che ha avviato allo sport intere generazioni di fiorentini. Anche la partenza da Piazza Duomo è stata da precursore, perché poi anche la manifestazione più grande di Firenze, la maratona, ha ormai messo stabilmente le radici in piazza Duomo. Inoltre c’è la sfida di avere riportato sei anni fa una manifestazione di livello internazionale su pista, e tra l’altro nella gara più difficile dell’atletica, quella che racchiude dieci prove tra gli uomini e sette tra le donne e che quindi accoglie davvero dei superatleti. Un grazie alle società che collaborano per la realizzazione dell’evento oltre ai volontari, mentre per quanto riguarda la Guarda Firenze aggiungo i ringraziamenti agli uffici della mobilità di Firenze, all’Ufficio Sport e all’ufficio suolo pubblico che fanno un grande lavoro per far sì che chi sceglie di correre lo faccia divertendosi senza correre rischi, mentre per gli altri si garantisce la mobilità ordinaria”.
I PREMI

Per la gara competitiva saranno premiati, tra gli uomini,  i senior maschile ( 18-49 anni) dal 1° al 50° esimo posto, i Veterani maschili (50-59 anni) dal 1°al 40 e gli Argento maschili (da 60 anni ed oltre) dal 1° al 10° posto.

Tra le donne le senior femminili (18-49 anni) dal 1° alla 30° posto, le Veterane femminile (50-59 anni) dal 1° al 20° posto e le Argento Donne (da 60 anni ed oltre) dal 1° al 5° posto.

Saranno anche premiate le prime 3 società, le prime 3 palestre e le prime 3 scuole più numerose.
Saranno anche premiate le prime 5 scuole che presenteranno alla partenza un minimo di 30 partecipanti (compreso le iscrizioni di adulti) con un premio finalizzato all'acquisto di materiali didattico-sportivi.

LA MAGLIA
Tutti i partecipanti alla Guarda Firenze di 10 km riceveranno la T-shirt ufficiale Asics Guarda Firenze, per i podisti ormai un must da collezionare, per questa edizione 2017 con una riproduzione esclusiva firmata dalla pittrice fiorentina Antonietta Borgioli.
Tutti i partecipanti alla Mini-Guarda Firenze riceveranno la maglietta ufficiale Ginky della manifestazione.
Animazione in piazza prima e dopo l’evento a cura di Training Consultant e di Lady Radio.



Albatravel, agenzia di viaggi ufficiale di Firenze Marathon, propone pacchetti speciali per pernottamenti in alberghi convenzionati vicino alla partenza e all’arrivo della manifestazione. Basta cliccare sul sito www.firenzemarathon.it il bottone “pacchetti turistici”.
DOVE ISCRIVERSI:
L’organizzazione è in collaborazione con l’Atletica Firenze Marathon e le iscrizioni si possono effettuare on line, attraverso il sito www.firenzemarathon.it e il circuito Enternow entro giovedì 3 maggio.

Fino a venerdì 4 maggio ci si iscrive anche presso Firenze Marathon, Viale M.Fanti 2, c/o Asics Firenze Marathon Stadium Tel: 0555522957; Isolotto Dello Sport, Via dell' Argingrosso, 69 a/b ( Fi )- Tel: 0557331055; Training Consultant, Via Fra G.Angelico 6 ( Fi )- Tel: 0556236163.
Per le non competitive di 10 e 3 km ci si iscrive anche presso Universo Sport in Piazza del Duomo, 7, Firenze  Tel. 0552675962, in Via Sandro Pertini 36 a Novoli - Tel. 055 4221252 e in Via Erbosa 68 presso il Centro Commerciale "Centro* Gavinana" – Tel. 055 6810839.
Le iscrizioni si chiuderanno improrogabilmente il 4 maggio alle ore 18.
Esclusivamente alla Mini Guarda Firenze potranno essere accettate iscrizioni, salvo esaurimento pettorali, anche fino a un’ora prima della partenza.
O.

COSA ACCADDE NEL 2017
Lo scorso anno sulla distanza di 10 km primo ad arrivare al traguardo in campo maschile fu il marocchino Abdeljalil Dakhchounedel GS Maiano, che ha bissato il successo del 2016, chiudendo in 31’50”. Secondo Luca Lastraiolidell’Atletica Castello, a pochi secondi dal vincitore; terzo il vincitore del 2015, Abdullamed Lablaida, connazionale e della stessa società del vincitore, che aveva chiuso in 33’07”. A seguire Bernardo Nicese de Le Panche Castelquarto (33’30”), Andrea Franchini del Maiano (34’34”) e Stefano Brezzi della Casentino Poppi (35’30”).
Tra le donne prima all’arrivo Sara Colzi dell’Atletica Prato che ha chiuso  in 37’56, davanti a Linda Nocentini dell’Atletica Castello (38’22”). Terza Serena Tredici(Runners Barberino, 39’45”), quarta, in 40”25 Caterina Deiana, fiorentina di origine sarda del Maiano (prima al traguardo nel 2015 e nel 2016).
FAMILY RUN
Per quanto riguarda la gara dei più piccoli primo al traguardo era stato Mario Sanchez delle Bagnese, davanti a Lorenzo Iacona che aveva vinto nel 2016, classe 2006 della Martin Luther King. Poi sono arrivati i fratelli Edorado Tagliaferri (classe 2007) e Micol Tagliaferri (classe 2005, prima bimba al traguardo). Sul podio virtuale tra le femmine anche Sofia Bechi (classe 2005 della Mazzanti) e Sara Oullet classe 2008. 


LE ALTRE CLASSIFICHE

Per quanto riguarda la classifica delle palestre con più iscritti, prima, come nel 2016, la Time Out(premiata col Trofeo Fratres) davanti alla Firenze Marathon Wellness e alla Palestra Klab.
Per quanto riguarda le società più numerose (Trofeo ASICS) vinse la Canottieri Firenze, seconda nel 2016, davanti al Dopolavoro Ferroviario Modena e a Le Panche Castelquarto.
Scuole più numerose la San Pier Martire (premiata col Trofeo Conad), la Villani, la Pio X Artigianelli, la Galluzzo, la Collodi e la Kassel.

PER RESTARE AGGIORNATI

Aggiornamenti e news in tempo reale sulla pagina Facebook della Firenze Marathon, con, tra l’altro, i video, le foto emozionali dell’evento e le immagini più spettacolari, condivisibili sui social network, oppure ai link: www.multistars.org , 



Fabrizio Del Bimbo 


Al via il 31/o Meeting di atletica Multistars


Venti le nazioni rappresentate nell’edizione numero 31 del meeting internazionale di atletica leggera Firenze Atletica Multistars Trofeo Zerneri Acciai, inserito nel Challenge Combined Eventes della IAAF, la Federazione mondiale di atletica leggera. Il Meeting torna per la sesta volta a Firenze con l’ossatura principale costituita dalla due giorni delle gare di prove multiple al maschile e al femminile.


Venerdì 27 aprile (con inizio alle 10 con la cerimonia di apertura) e sabato 28 aprile (con conclusione prevista per le 18, poi le cerimonie di premiazione), con ingresso libero all’Asics Firenze Marathon Stadium, lo stadio di atletica di Firenze dedicato a Luigi Ridolfi, si gareggerà nel meeting dei superatleti e delle superatlete delle prove multiple (il decathlon, la gara delle dieci prove per gli uomini, e l’eptathlon, la gara delle sette prove per le donne).
Sia nella prima che nella seconda giornata del Meeting, oltre alle stelle internazionali, anche i migliori atleti toscani gareggeranno nella “bomboniera italiana dell’atletica leggera”. Nell’arco dei due giorni si svolgeranno infatti le gare relative alla seconda giornata del Gran Prix Fidaltoscanaestate a cura del Comitato regionale toscano della Fidal, e quindi i campioni di casa nostra gareggeranno spalla a spalla con le stelle internazionali delle prove multiple.
L’organizzazione è a cura della Firenze Marathon, col suo presidente Giancarlo Romiti che prosegue a supportare il Club 10+7 di Gianni Lombardi. All’organizzazione collaborano le principali società di atletica fiorentine: Atletica Firenze Marathon, Prosport Firenze e Assi Giglio Rosso oltre al Comitato regionale toscano della Fidal diretto da Alessio Piscini.
Venti come detto le nazioni rappresentate, con la novità della Thailandia che porta il totale assoluto a 73 nazioni che sono state rappresentate nella storia del’evento.
ATLETI TOP
La starting list definitiva sarà diramata nei prossimi giorni. Tra coloro che al momento hanno annunciato la partecipazione si segnalano il vincitore 2017, il brasiliano Jefferson Dos Santos, vincitore lo scorso anno, e le connazionali Vanessa Chefer Spinola, vincitrice nel 2016, quarta lo scorso anno e nel 2014, e Tamara De Souza, terza lo scorso anno.
Da tenere d’occhio anche tre atleti con primati personale oltre il muro degli 8000 punti tra cui lo statunitense classe 90 Jeremy Taiwo (8425 punti). Tra le donne c’è Erica Bougard, classe 93’, primato personale di 6557 punti, Campionessa mondiale a Mosca 2013. La nazionale italiana femminile sarà presente quasi al completo.
“Statisticamente, circa l’80 per cento di coloro che hanno partecipato in questi anni al Meeting ha vinto prima o dopo la partecipazione una medaglia a carattere internazionale”, è stato sottolineato dagli organizzatori.
IL GLORIOSO MEETING DI FIRENZE
Firenze quindi ancora una volta, per il sesto anno consecutivo, ospita evento internazionale di atletica, memore dei fasti del meeting internazionale che si svolgeva negli anni ‘70 e ‘80 organizzato da Giuliano Tosi che vide calcare sulla pista dello stadio allora Comunale, poi Franchi, i più grandi campioni, da Mennea, a Carl Lewis, ad Alessandro Andrei e a Sebastian Coe che vi stabilì il record del mondo sugli 800 il 10 giugno 1981 (primato rimasto imbattuto fino al luglio 1997).
SUPPORTI ECONOMICI
La manifestazione, uno dei tre eventi “privati” (ovvero organizzati senza il supporto economico diretto della federazione di atletica) di atletica più importanti al mondo; va in scena per la tenacia di Gianni Lombardi e del suo staff che da oltre 30 anni portano avanti questa tradizione ormai conosciuta in tutto il mondo,e  per la lungimiranza di Giancarlo Romiti e dello staff di Firenze Marathon, che hanno creduto e investito nella possibilità di riportare un grande evento annuale di atletica a Firenze. Fondamentale è quindi il contributo degli sponsor che supportano l’iniziativa. Su tutti Federico Zerneri titolare della Zerneri Acciai S.p.a, che dà il nome al Trofeo che caratterizza la manifestazione e la presenza di ASICS (fornitore ufficiale tra l’altro del materiale tecnico della nazionale azzurra) quale sponsor tecnico dell'evento. E ancora: Conad, partner ormai consolidato di quasi tutte le iniziative legate a Firenze Marathon; Huawei, che dallo scorso anno è partner della maratona di Firenze e di svariate attività ad essa collegate, tra cui anche la prossima Notturna di San Giovanni del 16 giugno; Toyota per le auto ufficiali; e ancora Celadrin e Ricoh, oltre a Universo Sport e Citti Premiazioni sportive.
La Polizia Penitenziaria metterà a disposizione propri mezzi per gli spostamenti e la logistica.
UN PROGETTO CONTRO IL DISAGIO SOCIALE
All’interno della manifestazione anche le gare esibizione dei ragazzi e delle ragazze di un Progetto PON (Piano Operativo Nazionale) di inclusione per ragazzi con disagio sociale, progetto portato avanti con la collaborazione delle scuole del comprensorio didattico Ghiberti e del comune di Firenze con la società Prosport Firenze. E’ riservato agli studenti dei ragazzi delle scuole del Quartiere 4 a Firenze in collaborazione con i tecnici della società fiorentina e gli insegnanti di educazione fisica. Una volta alla settimana in orario extracurricolare sono state proposte una serie di attività atletiche rivolte all’apprendimento di attività motorie che altrimenti nei soggetti con disagio non sarebbero state fruibili. Le varie unità didattiche sono state create per portare questi ragazzi ad apprendere i rudimenti dell’atletica e soprattutto il salto con l’asta che rappresenta una disciplina estremamente formativa e ludica.
Il progetto ha molteplici valenze: la prima è dare un’opportunità a ragazzi che altrimenti per problematiche varie quali contesto familiare e di inserimento nel tessuto sociale non potrebbero avere; la seconda di stimolare il loro potenziale che in casi analoghi trova sfogo in attività antisociali, canalizzandolo verso una sana attività sportiva. Per contro accade spesso che il disagio sociale porti con se una dose di forza psicologica, di coscienza dell’io, spesso non riscontrabile nei ragazzi normodotati. Semplici attenzioni da parte di un allenatore, che li gratifica con esperienze e stimoli dati dal processo dell’allenamento, porta a scoprire un potenziale sportivo di sicuro interesse, compensando l’insoddisfazione che hanno nei vari contesti che frequentano. Obiettivo è anche quello di spingere i ragazzi con maggiore capacità atletiche verso l’atletica professionale, ovvero verso l’inizio di un percorso di allenamento intenso e mirato che faccia emergere le loro capacità e riscattare quel’insofferenza psicologica che li caratterizza.
Sono intervenuti in sede di presentazione dell’evento per esporlo il presidente della Commissione Sport del Quartiere 4, Barbara Felleca, e la preside del Comprensorio didattico Ghiberti, Annalisa Savino.
COSI’ NEL 2017
Con una grande rimonta nella seconda e conclusiva giornata la colombiana Evelis Aguilar, già 15esima alle Olimpiadi di Rio, ha vinto il Firenze Atletica Multistars 2017, mettendo insieme 6228 punti, undicesima prestazione di sempre al Multistars, settima donna di sempre nelle graduatorie all-time. La Aguilar ha difeso il vantaggio accumulato dopo le prime gare della seconda giornata, chiudendo gli 800 finali settima in 2’16”31.
Al secondo posto finale con 5901 punti la bielorussa Yana Maksimava (era alle Olimpiadi di Londra 2012); terza la brasiliana Tamara De Souza, con 5808, che aveva chiuso in testa dopo la prima giornata. Dopo l’800 finale chiuso in 2’37”81 aveva perso diverse posizioni Celeste Mucci la non ancora diciottenne australiana con genitori toscani (mamma di Vaiano e padre di San Marcello Pistoiese) e conclude la due giorni in nona posizione finale con 5721 punti, comunque col primato personale.
Migliore italiana Lucia Quaglieri con 5242 punti, diciottesima, anche lei al miglior punteggio personale di sempre.


Nicoletta Curradi
Fabrizio Del Bimbo